Sandali donna

Era il 1984 quando Fernando e Santiago riempivano le loro valigie di qualche vestito, diversi costumi e il loro amore per il surf e la sabbia che scotta. I fratelli Aguerre stavano lasciando l’Argentina per tuffarsi in un’avventura incredibile in California. Questa avventura aveva un nome, si chiama REEF. L’obiettivo, ambizioso, era quello di condividere il loro amore per la spiaggia e il suo stile di vita. Come? Serviva qualcosa di emblematico, un simbolo: ecco! I sandali! Tuttavia si sa, gli uomini sono lenti a maturare, lentissimi. Ci sono voluti 15 anni perché l’idea di portare la migliore calzatura del mondo sconfinasse, cessando di essere un privilegio per soli ragazzi: era il 1999 e nascevano i primi sandali donna! Incredibile se si pensa che già 8 anni prima il simbolo di REEF era Miss Reef, appunto, che senza rivelare mai la sua identità, era ispirata a tutte le bellissime donne del Sud America. Ma ora la storia stava cambiando. Che stessero surfando, grigliando, prendendo il sole o costruendo castelli di sabbia, bevendo un cocktail o passeggiando sulla battigia, finalmente anche le donne potevano sentirsi a loro agio. Sì perché i REEF non sono solo comodi, sono sandali fashion. Oggi più che mai le creazioni ispirate al mondo femminile sono arrivate ad un nuovo livello di qualità e gusto estetico! Ci sono perfino i sandali con tacco o i sandali con zeppa. Però non finisce qui, perché se i sandali resistenti all’acqua possono non stupire come notizia, i sandali in pelle vegana fanno strabuzzare gli occhi e tirare le orecchie: ebbene sì, hai sentito bene, materiali biodegradabili anche per le calzature, perché quando ami la spiaggia come i fratelli Santiago, te ne devi prendere cura. La promessa che ciascuna di noi deve fare è quella di aiutare a preservare e ripristinare spiagge e oceani in tutto il mondo: che tu indossi delle scarpe da ginnastica, delle infradito donna, o sia scalza, prosegui, continua a camminare, fa sì che tutti abbiano l’opportunità di pronunciare queste parole: “Beach Freely”.

Read more